• join@startaward.it
Life, Marketing

Dirette e Sondaggi Facebook: come possono essere utili per i brand?

“GianIppolito è in diretta ora!”
“Meglio la birra o il vino?”

Navigare su Facebook in questo periodo vuol dire incappare facilmente in questo tipo di notifiche: le prime appartengono alle dirette dei profili personali e le seconde alle pagine che stanno facendo un sondaggio. Come definirle, croce o delizia? Dipende, qualcuno ne parla con entusiasmo, altri no.

Distinguiamole:

La diretta live è quella nuova funzione che Facebook ha messo a disposizione inizialmente per le pagine con la Facebook Mentions per poi divulgarla anche a noi comuni mortali tramite quel tastino del Rec sulla sinistra nella home.

Il Sondaggio non è altro che un’evoluzione della diretta live: agli albori della sua nascita veniva presentato come una semplice immagine contenente un “duello” tra due o più contendenti, ad esempio “Mare vs Montagna” e “pioggia Vs lago Vs piscina Vs fiume” con le reactions like, cuore, ahahaha, wow, sigh e grrr. Successivamente l’immagine si è trasformata in un video in diretta con lo stesso funzionamento per le reactions e per la votazione.

Quali sono i loro utilizzi?

Per quanto riguarda la diretta live il suo utilizzo risulta molto controverso, questo perchè spesso utilizzato nel modo sbagliato: vi è mai capitato di avere qualche amico tra i contatti che fa 10 dirette al giorno sommergendovi di notifiche? E, semmai, è comodamente seduto al bar a parlare del nulla o mentre passeggia per il corso con i suoi discorsi su zia Armida che a nessuno interessano? Ecco, questo, per esempio, è un uso scorretto.
Diciamo che ognuno può postare quello che più gli pare ma in questo modo si rischia di annoiare i propri utenti e di non essere minimamente considerati alla prossima diretta. Nel peggiore dei casi (nemmeno tanto lontano) qualche amico potrebbe disattivare anche le notifiche. Il modo più idoneo di usare questa funzione sarebbe quello di attivare la diretta quando si sta facendo qualcosa di insolito o che, in qualche modo, sia interessante e possa suscitare l’attenzione in modo da essere seguiti da più persone possibili anche in futuro. In seguito, questa funzione è stata utilizzata anche da molte pagine in modi diversi tra cui, il più comune, è quello editare una scena di pochi secondi ritagliata in un video a loop e trasmesso per 4 ore di fila.

Il sondaggio, come detto prima, è un mix tra una diretta e un video a loop con la stessa immagine arricchita di reactions per la votazione. Il suo vantaggio è il risultato della generosità degli algoritmi data dalla combo video + reactions che fa schizzare la reach e da molta visibilità ai contenuti. Da qui le motivazioni per il suo recente e sempre più frequente impiego.

Come queste funzioni possono essere davvero utili per i brand?

In qualsiasi modo si possano sfruttare per promuovere qualcosa, dalla propria attività o anche se stessi col personal branding: un annuncio in diretta dal profilo personale dell’apertura della propria attività e qualche diretta (non troppo lunga) dove si mostra un nuovo corner o dei nuovi prodotti all’interno del proprio negozio sono un’ottima soluzione di advertising. Considerando l’elevato impatto degli algoritmi e che gli utenti potrebbero avere un’interesse di base verso la nostra attività, la visibilità del post dovrebbe essere eccellente e apporterebbe molto coinvolgimento con la clientela.

Il sondaggio, presentandosi sotto forma di “duello”, implica una scelta o una preferenza: in questo caso si ha la possibilità di scoprire cosa realmente preferisce il cliente della gamma di prodotti proposta, quale settore dell’attività, quale servizio offerto è migliore o peggiore, quale locale della catena è più apprezzato e quale meno.

15085489_345023432537785_5275117346586960288_n

Il vantaggio di partenza è sempre l’elevato impatto sulla visibilità dato dalla reach e dagli algoritmi, il secondo (ma non in ordine di importanza) è che in questo modo si ha la possibilità di fare qualcosa che molto spesso viene sottovalutato: ascoltare il cliente. Che tu si sia a capo di una PMI, di un ristorante, una catena di ristoranti, un negozio di telefonia, un atelier o un grande brand di portata mondiale, ascoltare il cliente è di importanza fondamentale per migliorarsi ed orientare le proprie strategie sul gusto del cliente.

Poi c’è chi fa dirette e sondaggi sia dal profilo personale che dalla pagina per promuovere sè stessi: stiamo parlando degli artisti musicali e personaggi dello spettacolo. Pensate ad un cantante, un compositore musicale o un musicista che fa la diretta durante un soundcheck prima dello spettacolo, durante la produzione di qualche brano o che chiede ai suoi fan quale dei suoi pezzi piace di più tramite il sondaggio (e quindi farsi un’idea di cosa apprezzino di più i fan). Stesso discorso valido per attori che fanno dirette prima di girare sul set o che chiedono qual è stata la miglior parte recitata.

Tra la moltitudine di soggetti che hanno utilizzato, possono o potrebbero utilizzare questi strumenti poi spuntano i The Jackal che mettono un punto definitivo sulla questione trollando tutti col loro sondaggio:

15179072_345023775871084_169154082392513014_n

EPIC WIN per loro.

In conclusione, le dirette e i sondaggi non saranno mai apprezzati o rifiutati del tutto dagli utenti, dipende da cosa si guarda, da cosa ci viene proposto e da come noi stessi utilizziamo questi strumenti per promuoverci agli altri. Brand e cliente vanno a braccetto, bisogna solo scegliere di cosa e come parlarne.

 

Previous ArticleNext Article
Fabrizio Di Martino
Appassionato di musica, sport addicted, Laureato in Economia Aziendale e laureando In Business e Management. Ma io volevo fare l'usciere.

Lascia un commento